A Sant’Angelo del Pesco, la chiusura del bar di Nicoletta segnò la fine di un’epoca.

Il bar di Nicoletta non era un bar qualsiasi: era il luogo dove gli anziani si ritrovavano per una partita a carte, dove i giovani si incontravano per un caffè e una chiacchiera, e dove ogni evento importante della comunità veniva celebrato con un brindisi

Un angolo della piazza di Sant’Angelo del Pesco col bar di Nicoletta. Agosto 2008 – vivisantangelo / Oreste Di Cristino

Un tempo, la piazza di Sant’Angelo del Pesco era un vero anfiteatro della vita quotidiana, racchiusa tra due negozietti, la chiesa parrocchiale con il suo solenne campanile, l’edificio dell’ex asilo, il monumento ai Caduti e il municipio. Al centro, l’unica strada che attraversava il paese, la provinciale. Questo luogo era il cuore pulsante della vita sociale, un crocevia di storie e incontri quotidiani. E poi c’era il bar di Nicoletta, il classico baretto della piazza, che più di ogni altro luogo, fungeva da punto di ritrovo e di riferimento per gli abitanti. Qui, tra un caffè e una chiacchiera, si intrecciavano le vicende della comunità, in un flusso continuo di voci e risate.

Questa guida ci porterà alla scoperta di Sant’Angelo del Pesco, un piccolo paese nascosto nell’entroterra molisano, dove antiche tradizioni si fondono con panorami sorprendenti e l’aroma di antichi sapori. Un viaggio esplorativo verso tesori nascosti, tra luoghi, tradizioni, cultura e scenari naturali che solo questo piccolo paese può offrire. Sant’Angelo del Pesco, spesso sottovalutato, rivela la sua bellezza pura e autentica, una finestra sulla vita di un popolo che celebra con orgoglio e passione le proprie radici, contribuendo significativamente al patrimonio storico e culturale della regione Molise.

Maggio si rivela come il mese di massima espressione della devozione mariana, arricchito da numerose ricorrenze religiose, pellegrinaggi ai santuari e una profonda venerazione verso la Santissima Vergine Maria, celebrata come Donna fra le donne e unica Signora. In questo periodo, i fedeli si riuniscono per rendere omaggio alla figura materna più venerata nella fede cristiana, rafforzando il legame spirituale attraverso la preghiera e la comunione.

Il lavatoio pubblico di una volta era una struttura che svolgeva un ruolo cruciale nella vita quotidiana dei piccoli paesi, specialmente in Europa, fino a circa la metà del XX secolo. Prima dell’avvento delle moderne lavatrici, i lavatoi erano il luogo dove le persone, prevalentemente donne, si recavano per lavare i vestiti e gli altri tessuti domestici.

Il mondo del giornalismo sportivo sta subendo una trasformazione radicale, spinta dalle nuove frontiere dell’Intelligenza Artificiale. A conferma dell’importanza crescente di questi cambiamenti, i maggiori giornali sportivi, in collaborazione con esperti dell’ONU per l’educazione e la cultura, si sono dati appuntamento a febbraio per il Secondo Forum Globale sull’Etica dell’AI (Artificial Intelligence). Questo incontro di spicco mirava a esplorare le future direzioni e le opportunità che l’era digitale riserva ai professionisti del settore. Durante il forum, giornalisti e specialisti del settore hanno discusso di come l’AI possa non solo trasformare, ma anche eticamente arricchire la professione del giornalismo sportivo.

Muoversi in bici alla scoperta di altri itinerari. In Europa, già da qualche anno, è in atto un ambizioso progetto di mobilità sostenibile conosciuto come 𝗘𝘂𝗿𝗼𝘃𝗲𝗹𝗼, Un programma che intreccia una vasta rete di percorsi ciclabili che attraversano il continente da nord a sud e da est a ovest. Ogni nazione e regione contribuisce con i propri itinerari, segnalati da apposita cartellonistica e arricchiti da punti di riferimento storico-culturali.

Un racconto inedito, rimasto nel cassetto per anni, si proponeva di svelare le meraviglie celate nei piccoli borghi del Molise, come Sant’Angelo del Pesco. Questi luoghi, vere e proprie gemme nascoste, si distinguono per le loro stradine che si intrecciano tra case dai colori vivaci, piccole scalinate di pietra, antiche mura e vicoli avvolti nel silenzio, offrendo un’immersione totale nella tranquillità. Nonostante conservino intatto il fascino delle antiche città murate, rimangono sorprendentemente poco esplorati e conosciuti.