Sorvolando l’Artico

Sorvolando l'Artico: un volo affascinante tra fiordi, iceberg e calotte di ghiaccio. – leMultimedia.info / Oreste Di Cristino

L’Artico, si sa, è un misterioso regno segreto, che svela i suoi tesori solo a chi si avventura in queste terre situate nell’estremo nord del pianeta: tra queste anche l’arcipelago delle Svalbard che con spazi ghiacciati, fiordi, iceberg e calotte di ghiaccio, è uno dei luoghi più spettacolari e inesplorati al mondo. Le Svalbard, sono le ultime terre abitate prima del Polo Nord: un paradiso di bellezze artiche.

L’Artico, affascinante in ogni suo aspetto, offre esperienze uniche durante tutto l’anno. Da novembre a febbraio, la notte polare crea un’atmosfera magica. Il sole non sorge sopra l’orizzonte, portando a condizioni di buio continuo per diverse settimane. Durante questo periodo, le temperature possono diventare estremamente fredde, con medie che variano solitamente da -15°C a -25°C. In alcune zone, le temperature possono scendere anche al di sotto di -30°C. Condizioni climatiche rigide e sfide particolari per chi si trova a vivere o visitare queste terre artiche in questo periodo.

L’Artico, una vasta distesa di ghiaccio che si cela dietro maestose masse terrestri artiche che circondano l’Oceano Glaciale Artico. – leMultimedia.info / Oreste Di Cristino

Da maggio ad agosto, durante il sole di mezzanotte, il sole rimane sopra l’orizzonte per un periodo prolungato, a volte per 24 ore al giorno. Questo fenomeno crea condizioni di luce continua e rende l’estate artica un periodo molto speciale. Le temperature medie diurne oscillano tra +1°C e +6°C. In alcune giornate più calde, le temperature possono anche salire oltre i +10°C . Un periodo relativamente più mite rispetto alla notte polare, ma bisogna comunque essere preparati per le variazioni climatiche dato che il clima artico può essere imprevedibile.

L’Artico è un vasto oceano ghiacciato circondato da masse terrestri artiche del Canada, Stati Uniti, Alaska, Groenlandia, Russia e Europa continentale. Terre che circondano l’Oceano Glaciale Artico, formando un ecosistema caratterizzato da condizioni climatiche estreme e un paesaggio dominato da ghiacci, permafrost e tundra. Un ambiente unico che ospita l’orso polare, trichechi, renne, volpi artiche, balene e una variegata vita marina. Un ecosistema prezioso e fragile, essenziale per la sopravvivenza di numerose specie.

Nel cuore del mistero artico. – leMultimedia.info / Oreste Di Cristino

La vita umana in questi paesaggi ghiacciati è drammaticamente diversa dalle nostre latitudini. L’Artico è abitato da diverse comunità indigene che si sono adattate alla vita in queste regioni settentrionali del pianeta per migliaia di anni. Queste comunità hanno una profonda connessione con la loro terra e la natura circostante, e conservano tradizioni, lingue e culture uniche che riflettono la loro storia e il loro ambiente artico.

Ecco alcune delle principali comunità indigene presenti nell’Artico: Inuit, principalmente in Canada, Groenlandia, Alaska e parte della Russia; Saami, noti come Lapponi, in aree della Scandinavia settentrionale, Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia; Nenets: popolo nomade che vive nelle regioni artiche della Siberia nord-occidentale; Yupik e Aleuti, gruppi etnici che vivono nelle regioni artiche dell’Alaska e della Siberia; Chukchi ed Eschimesi siberiani, gruppi indigeni nella parte nord-orientale della Russia.